Vuoi aiutarci a monitorare l’ozono? Partecipa a Captor!

Vuoi aiutarci a monitorare l'ozono? Partecipa a Captor!

Vuoi partecipare ad un progetto scientifico sull’inquinamento atmosferico che coinvolga direttamente i cittadini? Vuoi aiutare a trovare soluzioni a questo problema? Abbiamo bisogno del tuo aiuto, partecipa anche tu a CAPTOR!

Compila il modulo che trovi a fondo pagina. Ci vorranno solo pochi minuti!

Cos’è CAPTOR

E’ un progetto europeo di monitoraggio dell’ozono sviluppato da nove partner internazionali tra i quali numerosi istituti di ricerca, università e associazioni italiane (tra cui Legambiente), spagnole e austriache.

Sapevi che Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Piemonte sono alcune delle regioni maggiormente colpite dall’inquinamento atmosferico a livello europeo?

L’ozono troposferico è uno dei più importanti inquinanti atmosferici, tuttavia non se ne parla molto spesso. In Italia ogni anno oltre 3mila persone muoiono per patologie respiratorie legate a questo inquinante. La sua  origine deriva dall’inquinamento generato nelle grandi  città ma  la sua  presenza colpisce principalmente le aree rurali e semiurbane.

Se sei interessato a conoscere la qualità dell’aria che respiri e vuoi sapere in particolare quali ripercussioni ha l’inquinamento da ozono sulla tua salute, sull’agricoltura e sugli ecosistemi, visita il sito www.captorproject.eu

 

Come puoi contribuire?

Diventa un volontario per la campagna sulla misurazione dell’ozono. E’ molto semplice, non hai bisogno di esperienza specifica o formazione pregressa: i sensori sviluppati dal progetto verranno affidati direttamente ai cittadini volontari, i quali registreranno le concentrazioni di questo inquinante nell’area in cui verranno installati e trasmetteranno in tempo reale i dati su una piattaforma appositamente dedicata. Il contributo dei volontari è fondamentale per la buona riuscita del progetto, se non potrai installare un sensore a casa tua, potrai contribuire ugualmente al suo sviluppo stimolando altri cittadini come te a formulare proposte e trovare soluzioni per cambiare la situazione e partecipando a tutte le conferenze organizzate.

Non implica nessun costo, solo quello per l’elettricità che stimiamo sia in totale di 1.5 euro all’anno (il sensore ha un consumo molto ridotto).

 

Quali sono i requisiti?

  • Vivere nell’area di studio (Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte)
  • Vivere in un’area rurale (lontano dall’influenza diretta del traffico stradale o industriale, vicino a boschi o campi, ma non ad elevate altitudini).
  • Avere un posto dove poter installare il sensore:
  • All’esterno, sul balcone o sul davanzale
  • Il sensore deve essere installato tra 1.5 e 4 metri dal suolo
  • Locazione che non abbia strutture che ostacolano il movimento dell’aria
  • Non nelle strette vicinanze dei motori o degli scarichi dell’ aria condizionata o del riscaldamento
  • Connessione elettrica, dato che il sensore deve essere collegato alla corrente (una normale connessione per uso domestico)
  • avere una buona copertura 3g nell’area, per garantire l’invio delle informazioni raccolte dal

 

Quando riceverai una risposta?

A seconda dei volontari che si candideranno, verranno selezionati per il primo anno di monitoraggio i 15 volontari che avranno la miglior soluzione logistica e la miglior posizione per coprire l’area di interesse. Ti contatteremo entro la fine di marzo 2017.

Ringraziandoti per il tempo che ci hai fin qui dedicato, ti invitiamo a compilare il modulo qui sotto in maniera tale da diventare protagonista attivo di  CAPTOR e ad incoraggiare altre persone come te a farsi avanti come volontari!

 

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, ci puoi contattare all’indirizzo scientifico@legambiente.it o visita il sito www.captorproject.eu

 

Tag: , , , ,