Legambiente festeggia i 25 anni di Puliamo il Mondo con migliaia di volontari all’opera

Legambiente festeggia i 25 anni di Puliamo il Mondo con migliaia di volontari all’opera

Appuntamento il 22, 23 e 24 settembre per liberare il territorio dai rifiuti abbandonati. Riflettori accesi su fiumi e laghi. In Piemonte molte iniziative vedono il coinvolgimento di migranti e richiedenti asilo: “Un’occasione per promuovere una nuova idea di cittadinanza fatta di partecipazione e cura del bene comune”

Il 22, 23 e il 24 settembre torna Puliamo il Mondo, la storica iniziativa di volontariato ambientale che quest’anno spegne 25 candeline. Da un quarto di secolo, ogni anno, volontari di tutta Italia coordinati da Legambiente si danno appuntamento l’ultimo fine settimana di settembre per ripulire spazi pubblici dai rifiuti abbandonati. Con guanti, rastrelli, ramazze e sacconi ci si ritrova in piazze, strade, parchi urbani, lungo gli argini dei fiumi o delle strade statali, negli spazi “di nessuno” delle periferie. Giovani, anziani, italiani e non, amministrazioni locali, imprese, scuole, uniti da un unico obiettivo: rendere più vivibile e più bello il territorio in cui viviamo. Puliamo il Mondo è l’edizione italiana di Clean up the world, il più grande appuntamento internazionale di volontariato ambientale che, nato a Sydney nel 1989, coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi. Dal 1993 Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia e dal 1995 si avvale della preziosa collaborazione della Rai.

“Sarà un Puliamo il Mondo ancora una volta nel segno della solidarietà e della convivenza, contro rifiuti e degrado. Un’occasione per denunciare le situazioni ambientali e sociali che rendono fragili i nostri territori e per ribadire che, se lo vogliamo, un mondo diverso è possibile –dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta-. Pulire tutti insieme un pezzetto di strada o parco è, anche e soprattutto, un modo per sottolineare l’urgenza di una convivenza diversa, lungimirante e non violenta, con le persone che scappano da guerre, povertà e dagli effetti dei cambiamenti climatici sui loro territori. Per promuovere una nuova idea di cittadinanza fatta di partecipazione e cura del bene comune”.

Sono tante le iniziative in programma nei tre giorni di pulizia straordinaria che vedranno impegnati in tutto il Piemonte migliaia di volontari per liberare insieme dai rifiuti il territorio, raccontare l’economia circolare e promuovere, attraverso il dialogo, la creazione di reti tra cittadini di ogni età e provenienza. Si inizia venerdì 22 settembre con il coinvolgimento delle scuole: pulizia di cortili e giardini interni, delle aree urbane limitrofe, percorsi sulla raccolta differenziata sono solo alcune delle attività che coinvolgeranno centinaia di bambini e ragazzi ad esempio a Biella, Novara, Villareggia (To), Gravellona Toce (Vb) e in diversi comuni della provincia di Cuneo. A Mazzè (To) si procederà allo “svuotamento didattico” di una campana della raccolta differenziata della plastica, per verificare quelli che sono gli errori più frequenti di chi differenzia.

Nel weekend sono invece previsti diversi interventi di pulizia delle sponde dei fiumi e dei laghi piemontesi: a Dormelletto (No), sul Lago Maggiore, i volontari di Legambiente interverranno al parco regionale dei Lagoni e nell’area protetta dei canneti del sud Verbano, area particolarmente interessata dalla presenza di microplastiche nelle acque; nella vicina Baveno (Vb) saranno ripuliti la piazza del municipio, i cortili delle scuole, i parchi limitrofi (in particolare Parco di Villa Fedora), il lungolago e la spiaggia; a Settimo (To) è prevista una grande pulizia del parco fluviale del Po; a Molare (Al) la pulizia del fiume Orba, mentre a Predosa (Al) verrà ripulita la zona lido del fiume. In Val Lemme, nella Riserva del Neirone e nelle aree protette dell’Appennino, verrà organizzata una camminata e la pulizia del fiume. Ad Asti, invece, ci si occuperà della pulizia di un tratto del Lungo Tanaro e, contemporaneamente, la Protezione civile, il Comune e gli eco volontari puliranno un’altra area della città. A Meina (No) è in programma la pulizia della strada di collegamento tra il Comune e le varie frazioni (aree boschive comprese). A Carmagnola (To) i volontari si dedicheranno alla pulizia delle sponde del Po, al confine con il comune di Carignano.

Come detto sarà un’edizione di Puliamo il Mondo particolarmente attenta a creare occasioni di inclusione e coinvolgimento di migranti e richiedenti asilo che saranno protagonisti delle iniziative in programma nel weekend a Ovada (Al), Rivoli (To), Settimo Torinese, in Val Pellice, a Montalto Dora (To), Ivrea (To), Pinerolo (To) e Casale Monferrato (Al) dove sarà organizzata la pulizia dei giardini nei pressi del Castello e nelle zone centrali della città.

Diverse le iniziative in programma anche a Bagnolo (Cn): tra queste una camminata, una gara podistica e la pulizia del sedime della ferrovia dismessa che verrà trasformata in pista ciclabile; a Barge (Cn), invece, sarà ripulito il sentiero che da Rocca del Castello arriva fino alla Chiesa di San Giacomo. A Torino è prevista la pulizia del parco del Castello di Lucento e della pista ciclopedonale che arriva alla Pellerina, come a Borgaro (To) e Cirié (To), dove verrà liberato dai rifiuti un tratto di pista ciclabile della Corona Verde.

Tutte le iniziative su:

https://www.puliamoilmondo.it/index.php/partecipa/adesioni-luoghi-e-programmi

Tag: , , , , ,