In tanti per fare l’Italia più sicura, da soli non si può!

Diamo vita ad un gruppo di protezione civile di Legambiente Piemonte...

“In tanti per fare l’Italia più sicura – da soli non si può!” è il progetto di Legambiente sulla prevenzione ed informazione del rischio idrogeologico e della protezione civile che si è realizzato con il sostegno dall’ 8 per 1000 della Tavola Valdese e ha permesso la costituzione in Piemonte di un Gruppo Regionale di Protezione Civile di Legambiente e attività di sensibilizzazione per la prevenzione del rischio idrogeologico e di informazione sulla Protezione Civile.

Il Gruppo di Protezione Civile di Legambiente Piemonte

Legambiente è la prima ed unica associazione ambientalista dotata di una struttura operativa di protezione civile. Questo ha permesso a numerosi volontari di portare solidarietà concreta e tempestiva in tutte le emergenze di protezione civile che hanno colpito il nostro paese negli ultimi anni. Anche in Piemonte, visti gli avvenimenti degli ultimi anni, c’era la necessità di dotarsi di una squadra operativa per essere di supporto all’organizzazione e alla rete della Protezione Civile regionale in caso di calamità.

Il Gruppo di Protezione Civile di Legambiente Piemonte agirà in stretta collaborazione con la Protezione Civile Regionale e si occuperà sia di informazione e prevenzione del rischio che di interventi durante le emergenze. Per la creazione del gruppo di protezione civile sono stati programmati diversi momenti di formazione per i volontari a Torino presso la sede regionale di Legambiente in via Maria Ausiliatrice 45.

Le attività di sensibilizzazione e di informazione

Il rischio idrogeologico ogni anno rappresenta uno dei principali problemi di protezione civile per il Piemonte. Bastano poche piogge intense per trasformare un fenomeno naturale in una vera e propria catastrofe. Questa situazione, diffusa su gran parte del territorio regionale, ha reso le piccole e grandi emergenze causate da alluvioni, frane e allagamenti sempre meno straordinarie e sempre più quotidiane.

La gestione dei corsi d’acqua deve uscire dalla “cultura dell’emergenza” e diventare parte integrante delle normali attività di manutenzione e cura del territorio. Per raggiungere questo obiettivo bisogna lavorare alla costruzione di conoscenza degli ambienti e delle dinamiche fluviali, attraverso un insieme diversificato di iniziative capaci di coinvolgere soggetti diversi in termini di gruppi sociali, fasce d’età, attività lavorative o del tempo libero, preferenze culturali.

(19.04.15) Carmagnola, Circolo Il Platano (9)I circoli territoriali di Legambiente si sono occupati di organizzare
delle giornate di volontariato per la prevenzione del rischio idrogeologico e/o di informazione sulla Protezione Civile dal nome
“Fiume Pulito”:  le iniziative sono state organizzate lungo le sponde dei fiumi e dei torrenti e hanno fatto parte della campagna di Legambiente “Puliamo il Mondo”, la più grande campagna di volontariato ambientale al mondo, nella quale in tutto il mondo, lo stesso giorno si invitano i cittadini a riappropriarsi delle aree della propria città che sono degradate o che necessitano di pulizia e manutenzione per essere accessibili e fruibili.

Oltre a questo sono stati organizzati anche percorsi didattici rivolti ai bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado con lo scopo di sensibilizzarli sul tema del rischio idrogeologico. 

L’edizione 2015 ha riscosso un grande successo e ha visto la partecipazione di un alto numero di volontari.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Se sei interessato a far parte del gruppo regionale di Protezione Civile di Legambiente contattaci!

francesca.galante@legambientepiemonte.it

011 2215851

Tag: , ,