Il bike sharing non si ferma ed è ormai un successo mondiale

Il bike sharing non si ferma ed è ormai un successo mondiale

Ecco il primo manuale europeo, una guida per le amministrazioni per dare al bike sharing una marcia in più

Nel progetto OBIS le esperienze di 51 città europee e la fotografia del bike sharing in Italia, dove la scelta delle due ruote è un fenomeno in costante aumento

Legambiente: “Urgente aumentare subito gli investimenti nella mobilità ciclabile”

Il bike sharing è ormai un fenomeno continentale in continua ascesa. È quanto emerge dal primo
manuale europeo per amministratori pubblici, tecnici ed esperti di mobilità realizzato nell’ambito
dal progetto OBIS e presentato questa mattina a Torino presso la Sala delle Colonne del Comune. Il
manuale, che è già stato consegnato ai rappresentanti del Comune di Torino e di altre amministrazioni locali piemontesi e ai responsabili di ToBike, nei prossimi giorni verrà inviato da Legambiente e Ecoistituto Alto Adige al Ministero dell’Ambiente, alle amministrazioni, alle società di trasporto pubblico, a enti di ricerca e associazioni ambientaliste italiane, ed è comunque scaricabile si da ora dal sito web: www.centralemobilita.it
“Diverse città italiane hanno lanciato con entusiasmo nuovi servizi di bike sharing e Legambiente è
orgogliosa di queste esperienze – ha detto Andrea Poggio, vicedirettore nazionale di Legambiente –
Ma il servizio risulta ancora sottodimensionato e monco nel confronto internazionale. E’ evidente
che per la mobilità ciclabile si investe molto meno che per quella automobilistica. Ma qualcosa si
deve pur spendere: chi investe poco in studi e infrastrutture per la ciclabilità non otterrà nessun
risultato. Quindi, niente soldi per l’auto e i pochi che ci sono si investano solo per le bici”.
Il progetto OBIS (Optimising Bike Sharing in european cities) ha esaminato per tre anni la situazione italiana ed europea e da questo studio è nato il primo manuale europeo del bike sharing, l’OBIS Handbook. Nella nostra realtà italiana il manuale OBIS sarà quindi un vero e proprio strumento a supporto delle decisioni che dovranno assumere gli amministratori pubblici e i tecnici comunali per valutare lo stato del proprio bike sharing, migliorarlo e decidere in modo più consapevole come attrezzarsi per lanciarlo ex-novo.
Un dato interessante, tra i tanti emersi durante il lavoro di OBIS, riguarda proprio il confronto tra
Italia ed Europa: in media in Europa i servizi di bike sharing presenti nelle città con popolazione
superiore ai 500mila abitanti offrono 15,6 biciclette ogni 10.000 abitanti. Ciò significa che, per essere al pari degli altri, a Milano BikeMI dovrebbe avere almeno 2.090 biciclette giornalmente a disposizione degli utenti (oggi sono in tutto 1.800, comprese quelle utilizzate per le sostituzioni), a Roma dovrebbero essere 4.330 (oggi sono pochissime, solo 335), a Torino dovrebbero essere 1.420 (oggi sono 600).
In Italia il bike sharing si sta diffondendo molto più che in altre realtà europee, ma a macchia di leopardo, con sistemi differenti tra loro, a chiave meccanica o tessera elettronica, pensati in alcuni casi per rispondere alle esigenze dei cittadini residenti e dei pendolari delle grandi città; in altri, ad
esempio, per offrire un servizio aggiuntivo ai turisti. E’ già attivo in più di 160 città, alle quali si stanno pian piano aggiungendo altre esperienze finanziate dal Ministero dell’Ambiente, che prevedono anche l’utilizzo di biciclette elettriche a pedalata assistita.
OBIS è un progetto finanziato e sostenuto dall’Unione Europea attraverso il programma Intelligent
Energy Europe, che ha visto lavorare assieme, in tre anni di analisi e ricerca, esperti di enti pubblici,
università, aziende di trasporto pubblico e associazioni provenienti da nove diversi paesi (fra cui l’Italia rappresentata da Legambiente ed Ecoistituto Alto Adige), che hanno studiato e messo a confronto in modo dettagliato il servizio di bike sharing di 51 città europee, oltre ad aver mappato decine e decine di altre esperienze e nuovi progetti di bike sharing.
All’evento di presentazione del manuale, organizzato da Legambiente in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente del Comune di Torino, [TO]bike e Greenews, hanno partecipato Andrea Poggio, vice-direttore nazionale di Legambiente, Federico Vozza, vice-presidente Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, Marco Menichetti, Fondazione Legambiente Innovazione, co-autore per l’Italia del manuale, Pietro Drago, amministratore Bicincittà Srl, Fabio Zanchetta, rappresentante delle associazioni al Tavolo Biciclette Comune di Torino, Enzo Lavolta, assessore all’Ambiente Comune di Torino.

Tag: , ,